Skip to content

Aumentare la visibilità sui motori di ricerca: case study

Scritto da Patrizia Soffiati 30 settembre, 2011

Il Restyling di un sito web - roversiscale

Case Study: roversiscale.it

Intervento: Restyling – SEO – Blog – Social media marketing

Azienda: Roversi gestisce l’attività di disegno e produzione di scale da interno con immutata passione e competenza da molti anni. Roversi Scale è nostro cliente quasi dagli esordi della nostra società, insieme abbiamo realizzato e rinnovato il sito 3 volte.

Questa richiesta di restyling ci è pervenuta dopo che in estate il sig. Roversi ha notato un calo nelle visite al sito e un minore tasso di conversione, cioè gli utenti che accedevano al sito non contattavano l’azienda. Preoccupato  dalla situazione ci ha chiesto di analizzare le cause della diminuzione di visibilità sui motori di ricerca.

Lo studio sui motori di ricerca affiancato dagli strumenti di analisi del traffico,  hanno evidenziato i seguenti problemi:

  • la presenza di una pagina introduttiva con un’animazione in Flash “scoraggiava” una porzione elevata di visitatori che abbandonavano il sito senza visitarlo
  • per alcune parole chiave la concorrenza è aumentata
  • dal punto di vista contenutistico il sito soffriva di un’anomalia: da un lato si presentava come un catalogo con un numero elevatissimo di immagine di prodotti; dall’altro ogni prodotto presentava didascalie troppo dettagliate che appesantivano la consultazione
  • le immagini delle scale mostravano il nome del prodotto e non erano affiancate dal termine “scale”, accorgimento che avrebbe potuto aumentare la consistenza di parole chiave all’interno del sito

A queste considerazioni si aggiungeva il fatto che nuovi concorrenti si erano affacciati sul mercato e che anche la grafica del sito necessitava di uno “svecchiamento”  che comunicasse la dimensione più “industriale” e meno artigianale dell’azienda, che nel corso del tempo si è ampliata sia nei volume d’affari sia nella produzione.

Richiesta: Rinnovare il sito, correggere le problematiche individuate, aumentare la visibilità sui motori di ricerca con nuove keywords.

Soluzione: Un restyling del sito dal punto di vista grafico e contenutistico, un lavoro di keyword analisi e ottimizzazione pagine per i motori di ricerca, l’apertura di un blog aziendale nel quale far convogliare la passione per il suo lavoro, che possa ospitare didascalie, descrizioni accurate dei prodotti, dei materiali e dei metodi di lavoro.
Un piano di social media marketing per rafforzare e ampliare la presenza del marchio, aumentare il contatto con i propri clienti, avviare la conversazione con il proprio pubblico di riferimento.

Nei prossimi post vi spiegheremo le fasi del nostro lavoro e lo studio del caso.

 

L'Autore


Patrizia Soffiati

SEO E COPY SPECIALIST, WEB MARKETING Reminescenze ispaniche e avveniristici approcci Yoga. "Il bello è vedere le cose in maniera diversa” Segui @Pitizeta su Twitter

Articoli collegati

Commenti

  1. Luca ottobre 3, 2011

    Ciao Patrizia.
    In effetti le introduzioni in flash oggi risultano controproducenti rispetto a diversi anni fa, in cui l’utente era meno smaliziato e restava colpito dagli “effetti speciali”.
    Chi visita un sito adesso ha sempre più fretta e vuole arrivare in brevissimo tempo all’informazione che sta cercando.

    Il blog, anche se non una novità, rappresenta un “sempreverde” nella comunicazione, in quanto la rende bidirezionale e fidelizza l’utente, che naturalmente poi si aspetta un feedback adeguato.

    Ultimo punto, su cui concordo pienamente, è il discorso SEO: fino a poco tempo fa considerato poco importante, oggi è un elemento portante della diffusione di un sito, specialmente per chi ci fa del business. In effetti, sembra brutto da dire, ma se non sei su Google, non esisti.

  2. Loredana ottobre 3, 2011

    Belli e bravi questi del 3 w !!. Volete sapere io cosa cerco in un sito? Cioè, ve ne frega qualcosa? R: delle belle foto con didascalia pragmatica e realistica

Riferimenti

Non ci sono riferimenti per questa voce.

Commenta il nostro articolo

Required

Required

Optional

Twitter

  • No public Twitter messages.