Skip to content

Ottimizzazione delle pagine web: evitiamo gli errori

Scritto da Katia D'Orta 20 dicembre, 2011

Ottimizzazione pagine web

Ottimizzazione delle pagine (3a parte)

Internet ha cambiato in maniera radicale il business globale e offre a tutte le aziende delle valide opportunità commerciali. Ogni azienda che desideri sfruttare le potenzialità offerte dal web a beneficio dei propri servizi e/o prodotti sa che nella Rete troverà un valido alleato per aumentare la propria visibilità e per consolidare il  proprio brand.

La realizzazione di un sito aziendale è solo un piccolo passo per entrare in punta di piedi nel mondo virtuale; la sua pubblicazione è una vetrina nel mondo.

È nostro compito cercare di mostrare la vetrina dei nostri prodotti a più persone possibili. In questo post analizzeremo come fare per evitare di commettere quegli errori che pregiudicano la visibilità del sito.

Con la pubblicazione del sito è necessario segnalare ai motori di ricerca l’indirizzo del nostro sito web. La segnalazione nei motori di ricerca (Google, Yahoo, Bing…) è totalmente gratuita, ma deve essere fatta  solo  dopo aver compiuto un lavoro di ottimizzazione delle  pagine al fine di ottenere  una buona indicizzazione e un buon posizionamento nei risultati delle ricerche.

Il lavoro di ottimizzazione prevede l’adeguamento dei contenuti del sito alle specifiche esigenze dei motori di ricerca i quali, per indicizzare le pagine di un sito, utilizzano una serie di parametri variabili per restituire all’utente esattamente quello che sta cercando. L’ottimizzazione avviene sul codice HTML della pagina web.

I principali interventi nell’html sono quelli che riguardano:

  • titoli
  • la descrizione
  • links ottimizzati (anchor text)
  • organizzazione dei temi e sottotemi (heading tag)
  • le immagini

I titoli

È necessario creare titoli unici e accurati che descrivano il contenuto della pagina. Per ogni pagina del sito si deve scegliere un titolo univoco, breve ma descrittivo.

Il titolo, nello specifico, sarà rappresentato dal tag <title> che verrà posizionato all’interno del tag <head> nel  codice HTML della pagina.

La descrizione

La descrizione del contenuto di una pagina viene rappresentato dal meta tag <description> e fornisce a Google ed altri motori di ricerca un sommario dell’argomento della pagina. Mentre il title di una pagina deve essere composto da poche parole o al limite da una frase, il meta tag description di una pagina può contenere una o due frasi, o un breve paragrafo.

Questa frase o paragrafo è utilizzata come snippet (frase descrittiva della pagina) dai motori di ricerca. Si tratta di una best practice che permette ad un utente che effettua una ricerca, di individuare in poche righe il contenuto della pagina web e di valutarne l’adeguatezza e la pertinenza rispetto alla ricerca effettuata.

Links ottimizzati (anchor text)

L’anchor text è il testo cliccabile dei link, ed è posizionato nel codice HTML all’interno del tag <a href=”…”></a>. Questo testo comunica informazioni utili sulla pagina collegata sia ai motori di ricerca che agli utenti che navigano. Per l’ottimizzazione degli anchor text è necessario avere testi descrittivi ed evitare di scrivere testi generici del tipo “pagina”, “articolo” o “clicca qui”.

Un altro errore potrebbe essere quello di utilizzare testo che non abbia relazione con il contenuto oppure di utilizzare l’indirizzo internet (URL) della pagina che si sta linkando (almeno che non si stia promuovendo la home page di un nuovo sito web).

Organizzazione dei temi e sottotemi (heading tag)

Gli heading tag utilizzati per organizzare temi e sotto-temi della pagina.

Esistono 6 misure di heading tag: si parte da <h1>, il più importante, fino ad arrivare ad <h6>, il meno importante.

Organizzare visivamente i contenuti della pagina scrivendo con una formattazione diversa i titoli più importanti aiuta  gli utenti a comprendere l’importanza dei contenuti della pagina  e facilita la navigazione.

Immagini

Per ottimizzare le immagini è necessario specificare l’attributo Alt all’interno del codice HTML. L’attributo alt permette infatti di specificare un testo alternativo, che apparirà nel caso l’immagine, per qualche motivo, non possa essere visualizzata.

Il testo alternativo per quell’immagine sarà trattato in modo simile all’anchor text di un link testuale.

Se vuoi saperne di più consulta la guida introduttiva realizzata da Google.

Gli interventi che abbiamo velocemente analizzato sono solo una piccola parte dell’ottimizzazione delle pagine web. Stay tuned!

L'Autore


Katia D'Orta

WEB MASTER per professione e formatrice per passione. Mi batto attivamente contro il Digital Divide e il Cyberbullismo con corsi di formazione nelle scuole e per i cittadini, credo nella condivisione della conoscenza attraverso la Rete. Nel mondo il multitasking è donna. Il mio motto? “L’importante è che funzioni” Segui @katiatrew

Articoli collegati

Commenti

Non ci sono commenti per questo articolo

Riferimenti

Non ci sono riferimenti per questa voce.

Commenta il nostro articolo

Required

Required

Optional

Twitter

  • No public Twitter messages.