Skip to content

Co-winning passione e relazione

Scritto da Patrizia Soffiati 11 gennaio, 2013

Co-winning
Sono le somiglianze più che le differenze i mattoni 
sui quali si costruisce una relazione

Lo scorso novembre 2012 quindici persone ricevettero un’e-mail nella quale erano invitati, per competenze e affinità, a far parte di un nuovo progetto.

La mail era firmata Rachele Muzio, una professionista che ha fatto del suo blog Webpersignore un punto di riferimento per le donne che desiderano lavorare con Internet.  Ma non solo, Webpersignore è stato finalista al concorso DONNAèWEB 2012, e in quell’occasione, come spesso capita quando si è sotto pressione, Rachele ideò un progetto che le ha consentito di finanziarsi e di fornire visibilità e promozione a un selezionato gruppo di sponsor e media partners attraverso la condivisione in Rete.

Il nome del progetto? Co-winning ®.

Co-winning ® è figlio di una nuova cultura, quella della partecipazione e della relazione con tutte le sue componenti innovative e virali, come non restarne contagiati?

Ed è così che sul finire del 2012 e con l’inizio del nuovo anno, noi di Tre W insieme ad un piccolo esercito di blogger, agenzie e magazine abbiamo  cominciato a popolare il web di hashtag #cowinning suscitando curiosità e interesse.

Passione e relazione

La comunità di  Co-winning ® è formata da persone che quotidianamente lavorano con la Rete e che hanno saputo sviluppare, con sensibilità e uno stile misurato, una presenza che si connota di alcune precise caratteristiche.

La passione per il proprio lavoro, la creatività e la professionalità sono i tratti distintivi della comunità, dove, peraltro la componente femminile è molto numerosa.

Ci accomunano anche una serie di valori che sono i diretti discendenti di una cultura, quella della relazione e della condivisione, che volente o nolente dobbiamo tutti abbracciare se vogliamo trovare una forza nuova e alternativa al modello economico attualmente in rovinoso declino.

La spinta innovativa provocata dalla collaborazione ci ha reso consapevoli anche della necessità di adottare un nuovo approccio comunicativo, non più unidirezionale, univoco ma fatto di punti di vista differenti e fondato sull’esperienza.
Se dunque oggi i  mercati sono conversazioni, sono l’esperienza e l’emozione a costruire il senso dei nostri accadimenti, degli eventi o del consumo.
Il recupero dell’esperienza avviene appunto attraverso la narrazione perché raccontare è un modo per comprendere ciò che ci accade, per interpretare e decifrare la realtà.

Katia, Maurizio ed io come persone e professionisti,  crediamo fortemente in questi valori e anzi, ce ne facciamo propulsori.
Il nostro capitale è formato da persone aperte alle innovazioni, in grado di gestire il nuovo dominio dei contenuti con creatività e strumenti come infografiche, blog, presenza sui social media con un’attenzione particolare allo storytelling, che mette al centro della comunicazione l’esperienza, l’emozione, i valori delle persone e delle aziende di cui sono parte.

Questi i protagonisti della storia di Co-winning ®:

GLI SPONSOR:
Albergo Pietrasanta

Blue Liguria – Cultura e Società
Donatella De Paoli
Le borse di Poppy
Tangram
Event Reporter

I MEDIA PARTNERS (professionisti, agenzie e magazines) :

Roberta Zanella con Copywriter Input Blog
Rosa Giuffré con futurosemplice
Matteo Piselli con Ibrido Digitale
Riccardo Esposito con My Social Web
Cinzia Del Manso con Tip
Cristina Rigutto con TuttoSlide
Veronica Gentili con Veronicagentili.com
Stefano Prevedel con WebKout
Glisco di Francesco e Veronica Gentili
Nybe Communication di Beatrice Niciarelli
Pennamontata di Valentina Falcinelli
Tre W di Katia D’Orta, Maurizio Brandolini e Patrizia Soffiati
Blue Liguria – Cultura e Società
Leggendaria – Libri, Letture, Linguaggi
SIL – Società Italiana delle Letterate

Special mention a  Sara Stella con Fascino Rock che ci sostiene attivamente.

Un format

Co-winning® nella sua concezione semplice ed efficace è anche un modello alternativo ed etico per le aziende che cercano un modo originale per promuoversi, vogliono fare pubbliche relazioni in Internet o social media marketing.

Maurizio ha realizzato per noi questa bella infografica che riassume il senso di Co-winning® e che spero possa diventare fonte di ispirazione per altri che come noi amamo Internet e i Social media.

Co-winning infografica

Clicca sull’immagine per visualizzare l’infografica a dimensione intera

E tu sei già diventato #cowinning addicted?

L'Autore


Patrizia Soffiati

SEO E COPY SPECIALIST, WEB MARKETING Reminescenze ispaniche e avveniristici approcci Yoga. "Il bello è vedere le cose in maniera diversa” Segui @Pitizeta su Twitter

Articoli collegati

Commenti

  1. @rosagiuffre gennaio 11, 2013

    è semplicemente meraviglioso vedere come ognuno di noi sia diversamente costruttivo… Stupendo post e veramente una bella infografica che ci serviva, soprattutto per il passaggio a “format” ;-)… Grazie!

  2. Beatrice gennaio 11, 2013

    Bellissimo il post e magnifica l’infografica 🙂

    • Patrizia Soffiati gennaio 11, 2013

      Evviva! Sono contenta e spero che tutti noi ci si possa riconoscere in questa sorta di manifesto. Grazie Bea!

  3. Giuseppe D'Elia gennaio 11, 2013

    Questo è ciò che si chiama impegno! 🙂

    Bello davvero, complimenti 🙂

    • Patrizia Soffiati gennaio 11, 2013

      Grazie, ci abbiamo creduto, soprattutto nell’idea che co-ndividere e partecipare sia una mossa vincente!

  4. Paolo Vincenti gennaio 11, 2013

    Complimenti davvero per l’ottimo post e infografica annessa. Meno “io” e più “noi”…

  5. Matteo Piselli gennaio 11, 2013

    L’infografica è veramente bella, ma un concetto in particolare lo è, se possibile ancora di più:
    Co-Winning non promuove, ma racconta, crede nella narrazione come strumento per comunicare l’impresa……..
    Too good

  6. Bravi tutti! Bello l’articolo, bella l’infografica!
    Proprio un bel format da portare d’esempio 🙂

    • Patrizia Soffiati gennaio 12, 2013

      Grazie Michaela, sia noi che il gruppo di “co-winners” hanno ricevuto molti feedback positivi, quindi direi che e sia un bell’esperimento riuscito!

Riferimenti

  1. Co-winning®: progetto a basso costo e ad alto impatto creativo « WEBPERSIGNORE

Rispondi a Paolo Vincenti

Fai clic qui per annullare la risposta.

Required

Required

Optional

Twitter

  • No public Twitter messages.