Skip to content

Strategia di contenuti, da dove iniziare?

Scritto da Patrizia Soffiati 20 aprile, 2013

Strategia dei contenuti - da dove iniziare?

Hai comprato casa con i tuoi risparmi, magari è una villetta indipendente con tanto di giardino, in una zona residenziale, hai il cane, l’orticello e persino la tavernetta.
O mettiamola così , ti sei potuto permettere solo un appartamento, ma cavolo! al quinto piano con vista mozzafiato, ascensore e terrazzo di 10 mq.

C’è solo un problema, la tua casa non è del tutto ammobiliata, le voci rimbombano nelle una stanze facendo eco a sé stesse, devi abbassare le tapparelle per ripararti dal sole perché non hai le tende, se viene a trovarti qualcuno lo fai sedere su una sedia da giardino e il frigorifero, bhè quello c’è, ma è desolatamente vuoto.

Insomma passa il tempo e non viene più nessuno a trovarti perché l’accoglienza, diciamolo francamente, lascia a desiderare. Che te ne fai di tanto spazio se per la maggior parte è disabitato?

Il tuo spazio web è una casa da arredare

La notorietà della tua marca sul web (come impresa o come professionista) ha bisogno di spazi che siano abitati da contenuti originali, che abbiano valore per il tuo pubblico.
Il sito, il blog, gli account sui social network sono la tua casa e per essere visitati necessitano un arredamento confortevole e bello da vedere.

I social media ti consentono di avere visibilità ma non ti rendono più interessante se non hai nulla da dire.
L’obiettivo di una presenza sui social network è infatti quella di stabilire una relazione e di invitare i tuoi contatti a visitare il tuo sito, la tua vetrina online o il tuo blog.

Come puoi renderti interessante e fare in modo che altri ti seguano? Come puoi gestire in maniera efficace i tuoi contenuti?

–    Mettiti in ascolto, osserva quello che fanno gli altri e impara dai migliori.
Fare rete significa a mio parere proprio questo, prendere a modello i comportamenti più virtuosi, i casi di successo e le buone pratiche, farne tesoro adattando i consigli ed le esperienze altrui alle propria attività.

–    Comincia da te, da quello che ti interessa e ti appassiona e poi trasformalo in contenuti . Qualcuno può seguirti perché sei simpatico e spiritoso, perché sai creare empatia ma ti leggerà solo se quello che scrivi gli interessa realmente.
Il valore aggiunto sarà dato dalla tua interpretazione personale, dalla tua testimonianza e dalla condivisione gratuita che trasformerà i tuoi contenuti in un servizio per il tuo pubblico di riferimento.

–    Infine conversa con le persone e le aziende, renditi disponibile ad aiutare o a condividere conoscenza perché i tuoi contatti sulle reti sociali sono tutti potenzialmente tuoi futuri clienti.

Il livello di interazione che otterrai sui social media dipenderà quindi dalla tua capacità di creare contenuti di qualità, intelligentemente suddivisi per argomenti, dalla rilevanza e connessione con l’attualità e con i contesti fuori dalla Rete e  infine dalla tua abilità di costruire una comunità intorno a questi temi.

Questo post non finisce qui, può continuare a vivere con il tuoi contributi e con le tue esperienze. Tu che ne pensi?

L'Autore


Patrizia Soffiati

SEO E COPY SPECIALIST, WEB MARKETING Reminescenze ispaniche e avveniristici approcci Yoga. "Il bello è vedere le cose in maniera diversa” Segui @Pitizeta su Twitter

Articoli collegati

Commenti

  1. laura dicembre 26, 2013

    salve, mi servirebbe qualche esempio dei migliori.
    ripasso, eh

Riferimenti

  1. Content marketing, questo sconosciuto | Tre W Blog
  2. Il Master in Social Media e Non Conventional Marketing in 5 parole | Tre W Blog

Commenta il nostro articolo

Required

Required

Optional

Twitter

  • No public Twitter messages.